Archivio dell'autore: Alessandro Franci

Nasten’ka ovvero la realtà della quarta notte (“Le notti bianche” F. Dostoevskij)

Lui lo ammette di essere un timido: “E, per quanto io sia timido con le donne…” dice di sé quando vede Nasten’ka, piangente, la prima notte. D’altronde bisogna farsi coraggio nonostante la timidezza, ma mentre finalmente sta per portare aiuto … Continua a leggere

Pubblicato in libri | Contrassegnato | Lascia un commento

Fax

Le fatture arrivano in una busta. Da qualche parte in un punto, forse sul retro, c’è scritto che si può richiedere l’invio per posta elettronica. Ma perché al “punto vendita” non me lo hanno detto subito? Già proprio loro. Il … Continua a leggere

Pubblicato in Miscellanea | Contrassegnato | Lascia un commento

Lungo le strade di periferia

Lungo le strade di periferia abbandonavano oggetti di ogni genere. Il più delle volte erano automobilisti di passaggio a gettare qualcosa dal finestrino; gli oggetti non rimanevano a lungo sulla carreggiata, spinti dal passaggio di altre auto, si raccoglievano ai … Continua a leggere

Pubblicato in Viste | Contrassegnato | Lascia un commento

Un duplice punto di vista, incontro con Graziano Dei

Avevo chiesto a Graziano Dei di parlare della parola nel teatro e nella pubblicità, almeno dal suo duplice punto di vista di attore e di grafico pubblicitario .Da una parte. quindi. il teatro, cioè la parola che segue un copione, … Continua a leggere

Pubblicato in Incontri | Contrassegnato | Lascia un commento

Ad blocker

“Sembra che il tuo browser stia bloccando la pubblicità. Tutti i video e le dirette sono disponibili sul nostro sito gratuitamente anche grazie alla pubblicità. Potrai vedere il video che hai appena scelto ma, per continuare a fruire dei nostri … Continua a leggere

Pubblicato in Viste | Contrassegnato | Lascia un commento

Una dolente serenità

In un tempo ormai lontanissimo assistetti alla rappresentazione della nota commedia di Machiavelli “Mandragola”, interpretata da studenti di un liceo. Non ricordo né la città né il luogo della rappresentazione. Rammento, invece, una scena nella quale s’intuiva che i due … Continua a leggere

Pubblicato in pagine | Contrassegnato | Lascia un commento

Selfie

Fino a non molto tempo fa era lontano dai nostri pensieri fotografare ciò che più ci piace per poi inviarlo agli amici “etichettando” la foto con una didascalia nella quale si precisa che si sta vedendo quello che anche loro … Continua a leggere

Pubblicato in Viste | Contrassegnato | 1 commento

Questa è poesia

Chissà se l’espressione: “Questa è poesia” sia ancora in uso. Dal momento che in rete la quantità di poesia, se non la qualità, aumenta sempre più, viene da pensare che una certa confidenza con la materia abbia facilitato a molti … Continua a leggere

Pubblicato in Considerazioni | Contrassegnato | 1 commento

Sandy

Nel messaggio diceva che l’ultimo capitolo l’aveva finito di leggere un attimo prima di scendere. Me lo aveva chiesto lei: “Un capitolo alla volta, quando salgo in autobus non mi posso portare pacchi interi di fogli”. Dopo averle inviato il … Continua a leggere

Pubblicato in pagine | Contrassegnato | 1 commento

Cinema

Le facciate erano scalcinate, i neon delle insegne colorate crepitavano con intermittenti ronzii, ma avevano nomi seducenti: Apollo, Eden, Flora. Il cinema era la salvezza nei lunghi pomeriggi argentati e senza ombre delle domeniche autunnali. Il buio della sala sapeva … Continua a leggere

Pubblicato in pagine | Contrassegnato | Lascia un commento