Toponomastica

strade principali e secondare Klee

“Strade principali e secondarie” P. Klee

Se parliamo di piazza del mercato è chiaro che alludiamo al luogo dove normalmente vengono venduti, oppure fino a non molto tempo fa si vendevano alimenti, vestiario e simili. Da non confondersi, quindi, con i mercati finanziari nei quali si tratta il pricing, e non il prezzo al dettaglio dei prodotti locali. Questo, però, sarà un problema che prima o poi la toponomastica dovrà affrontare. Oggi per raggiungere “piazza del mercato” sappiamo quale direzione prendere, al massimo potremmo avere qualche incertezza, almeno in alcune località, circa l’esatto indirizzo e cioè se sia piazza del mercato vecchio, oppure solo piazza del mercato, ma alla fine ci arriveremo; in futuro però le nostre incertezze potrebbero aumentare: avremmo il sospetto che si tratti di piazza del mercato finanziario, o addirittura del mercato globale. D’altronde i veri mercati non sono quelli rionali, o gli altri, ortofrutticoli e delle carni, bensì quelli dei derivati e delle azioni. Per questo motivo, domani, sarà doveroso, vista l’importanza che rivestono oggi, intitolare loro una piazza, o una via.
Lo spread fino a non molto tempo fa sembrava quasi che fosse riuscito a ritagliarsi unno spazio considerevole nel futuro prossimo; ne parlavano tutti e non pochi anche con cognizione di causa. In molte circostanze era ricalcolato, soppesato, valutato prima di qualsiasi altra impresa che avesse una ragione di essere portata a termine. Anche il barbiere trovava ragionevole un taglio anziché un altro in base al disavanzo di non si sa bene quale materia. Al posto di via Giuseppe Garibaldi, sarebbe stato possibile recarsi in via dello spread, invece adesso non ne parla più nessuno e il suo periodo di notorietà sembra essere giunto alla fine, ma non è detto che possa di nuovo tornare in auge grazie pure alle oscillazioni dei mercati. È anche probabile che in futuro si debba pensare ai monumenti e alle statue commemorative, perché, come recita un aforisma di Stanislaw Jerzy Lec: “Se abbattete i monumenti, risparmiate i piedistalli. Potranno sempre servire”. Ad esempio, dopo piazza delle obbligazioni, proseguendo per corso debito pubblico fino all’incrocio con viale spending review, trovarsi davanti proprio la statua di Mazzini, non avrebbe molto senso, meglio quella dedicata al fiscal compact.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dettagli e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Toponomastica

  1. Luciano Valentini ha detto:

    L’ironia e’ sempre divertente. Congratulazioni. Tanti auguri di buone reste. Ciao. L.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...